staffetta-4x50-misti-maschile-e-matteo-rivolta-di-bronzo-italia-stellare-ai-mondiali-di-abu-dhabi
foto G. Perottino / Deepbluemedia/ Inside Foto

Staffetta 4×50 misti maschile e Matteo Rivolta di Bronzo, Italia stellare ai Mondiali di Abu Dhabi

Quinti nel medagliere con tredici medaglie a una giornata dalla conclusione dei Campionati in vasca corta, oggi l’ultimo show

La staffetta 4×50 misti maschile e Matteo Rivolta si tingono di bronzo nella penultima giornata dei Campionati Mondiali di Nuoto in vasca corta in svolgimento ad Abu Dhabi, dove gli Azzurri stanno facendo un mondiale da favola.

Quinti nel medagliere con tredici medaglie e tre titoli mondiali, un riscontro sontuoso che rimbomba in maniera particolarmente forte dopo tutte le difficoltà vissute dal settore negli ultimi due anni.

La 4×50 misti maschile, primatista mondiale e campione europea in carica, ha aperto la penultima giornata di gare azzannando il bronzo.

Ad aprire la finale e la quinta giornata è Lorenzo Mora, argento iridato nella giornata precedente, che nuota in 23″24 peggiorando di 34 centesimi il crono che lo ha reso vice campione del mondo.

Lo segue al cambio Nicolò Martinenghi che con un bel lanciato in 25″30 innesca il volo di Matteo Rivolta quando l’Italia figura in quarta piazza.

Il milanese, che sta vivendo una seconda giovinezza, nuota in 21″95 che fa risalire il quartetto Azzurro a ridosso del podio.

A completare l’opera il toscano Lorenzo Zazzeri che lotta con il coltello tra i denti e con un 20″29 accompagna l’Italia sul terzo gradino del podio in 1’30″78.

Davanti a loro la Russia, campione uscente e vicecampione europea e gli Stati Uniti in ex aequo con 1’30″51 che eguaglia il record della manifestazione.

Sapevamo che era difficile vincere – ha affermato Martinenghi – Abbiamo disputato una buona gara. Contentissimi per la medaglia e per il record del mondo salvo”

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Purtroppo non ho avvicinato il tempo dell’argento e sarebbe stato importante – ha aggiunto Mora – Mi dispiace perché con una frazione migliore avrei reso la squadra ancora più competitiva. Resta il bronzo che ci soddisfa, ma personalmente avrei potuto dare di più”

staffetta-4x50-misti-maschile-e-matteo-rivolta-di-bronzo-mondiali-di-abu-dhabi
foto G. Perottino / Deepbluemedia/ Inside Foto

Matteo Rivolta ha poi raddoppiato più tardi conquistando il bronzo nei 50 farfalla con una gara encomiabile.

L’atleta delle Fiamme Oro e Circolo Canottieri Aniene allenato da Marco Pedoja, riesce a limare ancora il Record Italiano portandolo a 22″02 e si piazza sul terzo gradino iridato dopo lo straordinario oro dei 100 farfalla.

Sono molto contento della prestazione – ha affermato Rivolta – Tre centesimi in meno sarebbe stato ancora più bello, ma dopo la staffetta di mezz’ora fa, dove avevo nuotato contratto e senza essere riuscito a esprimermi al meglio, ho cambiato passo mentalmente e a disputare una gara molto bella”

Sa di miracolo di Natale invece l’impresa del 41enne brasiliano Nicholas Santos che mette in cassa il terzo titolo iridato in carriera vincendo in 21″93 davanti al trinidadiano Dylan Carter in 21″98.

Finora è stata una carriera decisamente emozionante – conclude Rivolta – I bilanci si fanno sempre alla fine e ancora ho obiettivi da raggiungere”

Le altre gare

Alberto Razzetti sigla il Record Italiano dei 400 misti diventando il primo italiano sotto i 4 minuti fermando il crono a 3’59″57 che migliora il precedente da lui stesso detenuto con 4’00’34 con il quale vinse l’argento europeo.

Davanti all’atleta delle Fiamme Gialle e Genova Nuoto My Sport allenato da Stefano Franceschi, il nipponico Daiya Seto in 3’56″26, seguito dal russo Ilia Borodin al record europeo di 3’56″47 e lo statunitense Carson Foster con 3’57″99.

Ci tenevo molto ad andare sotto i 4 minuti, riuscirci e finire quarto dispiace perché è un crono con cui in genere si sale sul podio – ha dichiarato il ligure – Davanti sono andati troppo forte e non mi resta che fare i complimenti a loro e continuare a lavorare per migliorare ed essere ancora più competitivo”

Ancora un sesto posto per Ilaria Cusinato che chiude i 200 misti in 2’06″92 intascando lo stesso piazzamento ottenuto anche nei 200 farfalla e 400 misti.

A trionfare è stata la canadese Sydney Pikrem in 2’04″29, seguita dalla giovanissima cinese Yu Yiting con il Record del Mondo juniores in 2’04″48 e dal bronzo olimpico statunitense Kate Douglass in 2’04″68.

Essere tornata a nuotare 2’6” è una bella soddisfazione – ha dichiarato la 21enne delle Fiamme Oro e Team Veneto – Ero stanca, ma non volevo lasciare nulla in vasca. Torno a casa con tre sesti posti, tanto entusiasmo e un’ottima base di partenza”

Alessandro Miressi accede alla finale dei 100 stile libero a suon di Record Italiano nuotato in 45″58 che vale anche il miglior crono delle semifinali.

Si ferma invece Lorenzo Zazzeri che chiude al 16esimo posto in 47″50. 

Promosso anche Nicolò Martinenghi nei 50 rana con il crono di 25″87, alle spalle del bielorusso Ilya Shymanovich, primatista mondiale e campione in carica dei 100, con 25″55 e dello statunitense Nic Fink in 25″68 dopo la squalifica del turco Emre Sakci.

Avanti anche Elena Di Liddo nei 100 farfalla, nuotati in 56″21 che vale il quinto tempo per la finale, mentre si ferma Ilaria Bianchi, 15esima in 57″03.

In finale anche Silvia Di Pietro nei 50 stile libero, nuotati in 23″94, a 9 centesimi dal suo Record Italiano, che vale l’ottavo e ultimo tempo utile per la qualifica.

Batterie di qualifica dell’ultima giornata di gare dalle 6.30 del mattino ora italiana e finali e semifinali dalle 15:00 ora italiana.

Clicca qui per i risultati completi

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine