argento-italia-europei-nuoto-4-50-stile-libero-femminile-otopeni
photo: Andrea Staccioli / DBM / Inside

Doppio argento per l’Italia agli Europei di Nuoto in vasca corta

A Otopeni le prime medaglie Azzurre arrivano dalle staffette 4×50 stile libero femminile e maschile

Due medaglie d’argento per aprire i Campionati Europei di Nuoto in vasca corta per l’Italia, vinte entrambe nel finale della prima giornata dell’evento ospitato nel Complesso Acquatico di Otopeni, in Romania.

Due sussulti, uno dietro l’altro, che arrivano nelle staffette veloci, la 4×50 stile libero femminile e quella maschile che salgono sul secondo gradino del podio continentale.

Il primo a festeggiare è il quartetto femminile, aperto da Silvia Di Pietro con 24”39, vicina al tempo nuotato nella gara individuale fatta poco prima, segnando la parziale quinta posizione per l’Italia.

Al cambio Costanza Cocconcelli, che parte forse in maniera troppo prudente con uno stacco a 0”15 e una nuotata da 24”21 che vede l’Italia ancora in quinta piazza.

Tocca a Chiara Tarantino, che tiene botta e con un 24”20 lascia le Azzurre nel pieno della lotta per il podio in una linea a quattro con Gran Bretagna, Danimarca e Olanda in lotta per l’argento.

In ultima frazione Sara Curtis suona la carica e con un lanciato da 24”12 trova l’argento al tocco della piastra cronometrica per il complessivo crono di 1’36”92 alle spalle della Svezia con 1’35”60 e davanti alla Gran Bretagna con 1’37”19.

Sono contenta del risultato, non per la frazione – ha commentato Silvia Di Pietro – Sogno realizzato, non so cosa dire, sono felicissima – incalza Sara Curtis – L’obiettivo è centrato, sono felicissima – ha aggiunto Chiara Tarantino – Sono contenta per la medaglia, felicissima di questo risultato” – conclude Costanza Cocconcelli.

La 4×50 stile libero femminile ritorna sul podio continentale di vasca corta dopo ben otto anni, visto che non vinceva una medaglia in un Europeo in vasca corta dall’oro del 2015.

Doppio argento per l’Italia agli Europei di Nuoto in vasca corta

Non c’è tempo di rifiatare, né di esultare, che l’Italia del nuoto raddoppia agli Europei con l’argento che conquista nella finale della 4×50 stile libero maschile che parte pochi minuti dopo.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Apre ottimamente Leonardo Deplano che nuota in 21”05 migliorando anche il suo personale di 21”12 fatto un anno fa ai Mondiali di Melbourne.

Al cambio un pimpante Lorenzo Zazzeri, che stacca in 0”08 per contenere la prima frazione scatenata di Ben Proud in 20”56 e nuota in 20”50 portando l’Italia dalla terza alla seconda posizione dopo metà finale.

Tocca a Thomas Ceccon che lotta come può per tenere la seconda piazza saldamente nelle bracciate degli Azzurri, segnando il suo lanciato in 20”98.

Chiude Alessandro Miressi, con 20″61 tentando il miracolo, ma la Gran Bretagna è troppo distante e vola per l’oro conquistato in 1’22”52 seguita però dall’Italia che conferma l’argento vinto a Kazan 2021 segnando 1’23”14 davanti alla Grecia che chiude il podio con 1’23”27.

argento-italia-europei-nuoto-4-50-stile-libero-maschile-otopeni
photo: Andrea Staccioli / DBM / Inside

Sono felice, sono riuscito a fare il mio personale e va bene l’argento – ha commentato Leonardo Deplano – La Gran Bretagna è partita subito a trazione anteriore, ma Deplano è stato bravissimo ad aprire e io ho cercato di tenere testa agli altri e la mia penso sia una buona frazione – ha dichiarato Lorenzo Zazzeri – La mia frazione è un po’ lenta, così come il cambio, ma questa è una gara che non nuoto spesso, volevamo l’oro ma la Gran Bretagna sono stati più bravi – ha aggiunto Thomas Ceccon –Vogliamo sempre vincere, è ovvio, ma tutto sommato va bene anche così, ci abbiamo provato” – conclude Alessandro Miressi.

Doppio argento per l’Italia agli Europei di Nuoto in vasca corta – Le altre gare della prima serata

Non arriva il podio per la prima finale di questi Europei con l’Italia in vasca: il vice campione e vice vice campione europeo in carica dei 400 stile libero di vasca corta Marco De Tullio e Matteo Ciampi chiudono rispettivamente quinto in 3’38”13 e sesto con 3’38”61.

Serviva il personale a entrambi per salire sul podio, occupato ai gradini più bassi dal lituano Danas Rapsys con 3’37”80 e dal belga Lucas Henveaux con 3’37”91 dietro la vittoria dell’irlandese Daniel Wiffen con 3’35”47.

argento-italia-europei-nuoto-matteo-ciampi
photo: David Damnjanovic / LEN

Non sono riuscito a vedere bene la posizione durante la gara – ha dichiarato Marco De Tullio – Il tempo non è male. Non sono andato lontanissimo dal mio migliore. Oggi volevo avvicinarmi al mio migliore, mi devo abituare a gareggiare con una testa diversa rispetto all’anno scorso. Il podio non è andato ma ci saranno altre occasioni, c’è solo da lavorare”

Oggi mi sentivo bene, sono ormai tre o quattro anni che nuoto questi tempi, peccato perché la medaglia era molto più fattibile di quanto pensassi stamattina – ha dichiarato Matteo Ciampi – Adesso devo resettare un po’, la stagione sarà importante e impegnativa”

Poco prima erano stati i 400 misti femminili ad aprire la prima serata di finali e semifinali degli Europei di Otopeni, priva di italiane in gara con Alessia Polieri che stamattina si è fermata alle batterie e Sara Franceschi che ha dovuto rinunciare all’Europeo per infortunio.

Doppietta britannica con la vittoria di Abbie Wood con 4’27”45 seguita da Freya Colbert con 4’29”04 e l’irlandese Ellen Walshe a chiudere il podio in 4’29”64.

Promossa alla finale dei 50 stile libero l’esordiente Sara Curtis, che segna l’ultimo tempo utile per la qualificazione con 24”13 migliorando il personale di 24”28 fatto ai Criteria della scorsa stagione salendo dal quarto al terzo posto del ranking italiano di sempre.

Sognavo questa finale, esserci riuscita significa aver raggiunto un obiettivo grandioso – ha dichiarato Sara Curtis – Sono orgogliosa”

Miglior crono di riferimento quello della francese Beryl Gastaldello con 23”77, mentre si ferma Silvia Di Pietro che purtroppo nuota 13esima in 24”34 al termine di una gara non proprio impeccabile, come lei stessa afferma.

Sono delusa, mi dispiace, ho buttato la finale nel cestino – ha dichiarato Silvia Di Pietro – Ho fatto un po’ di errori in virata, mi sono ritrovata accartocciata al muro”

Promosso in finale Lorenzo Mora, che nei 50 dorso ottiene la quinta prestazione delle semifinali nuotando in 23”16, con il francese Mewen Tomac miglior crono con 22”91.

Speravo che la mia barba di stamattina facesse più drag e invece no – ha dichiarato Lorenzo Mora – La finale di un 50 può succedere veramente di tutto e se riesco ad abbassare il tempo nuotato in semifinale potrei togliermi soddisfazioni. Spero di crescere durante questo Campionato”

Avvincenti le semifinali dei 100 rana a dispetto della grande assente Ruta Meilutyte: Benedetta Pilato nuota una bella gara segnando 1’04”45 trovando l’accesso alla finale con il quarto miglior crono, chiudendo la semifinale alle spalle della sola olandese Tes Schouten che segna 1’04”02.

argento-italia-europei-nuoto-benedetta-pilato
photo: David Damnjanovic / LEN

Ho sbagliato un po’ le virate perdendo tanto. Il tempo nuotato a Genova mi appartiene, ma in questi giorni sto facendo un po’ di fatica – ha dichiarato Benedetta Pilato – L’obiettivo di questo periodo erano gli Assoluti e faccio fatica, complice anche questo ambiente poco coinvolgente a trovare adrenalina”

Ai blocchi di partenza della seconda semifinale c’è Martina Carraro che ottiene una bella partenza e cerca di restare attaccata al gruppo di punta condotto dalla svedese Sophie Hansson e l’estone Eneli Jefimova, che alla fine chiuderanno rispettivamente con il terzo e secondo crono di qualifica con 1’04”07 e 1’04”03.

La ligure, campionessa europea di vasca corta in carica, chiude in 1’05”28 assicurandosi la finale con il settimo crono.

Sarebbe bello tornare a tre o quattro anni fa in cui veniva tutto semplice – ha dichiarato Martina Carraro – Sono contenta di aver centrato la finale, ci sono e se c’è un pregio che posso darmi è la mia costanza. Cercherò di divertirmi il più possibile”

argento-italia-europei-nuoto-martina-carraro
photo: David Damnjanovic / LEN

Un redivivo Matteo Rivolta centra la finale dei 100 farfalla nuotando in 50”07 che vale il quinto posto di accesso alla finale.

È una bella sensazione essere capitano di questa squadra, è un bel gruppo molto coeso e tante qualità e dalla mia esperienza penso che questo sia il miglior gruppo qualitativo di cui abbia fatto parte – ha dichiarato Matteo Rivolta – La mia gara è stata migliore rispetto a stamattina, sono dispiaciuto di non poter competere ai miei massimi livelli, ma sono in finale e domani cercherò di tirar fuori un coniglio dal cilindro”

argento-italia-europei-nuoto-matteo-rivolta
photo: David Damnjanovic / LEN

Lo segue l’altro Azzurro, Michele Busa, che nuota il settimo tempo di 50”64, con lo svizzero Noe Ponti nella sua semifinale che segna il nuovo Record dei Campionati con 48”61 cancellando il russo Evgeny Korotyshkin con 48”93 del lontano 2009.

Sono contento per aver centrato la finale, ma non contento per la gara, ho fatto molti errori – ha dichiarato Michele Busa – Se riesco a migliorare un po’ di cose, domani posso dire la mia”

Doppio argento per l’Italia agli Europei di Nuoto in vasca corta – Programma Gare, Orari e Diretta televisiva

In Romania sono un’ora avanti rispetto all’Italia, quindi le batterie di qualificazione in programma dalle 9:30 ora locale, saranno visibili da noi dalle 8:30 orario italiano.

Stesso discorso per le finali e semifinali, in programma dalle 17:00 orario italiano, con tutte le gare, sia le qualifiche che le semifinali e finali, che verranno trasmesse in diretta televisiva su RAI Sport.

La telecronaca è affidata come sempre a Tommaso Mecarozzi con il commento tecnico di Luca Sacchi, coadiuvati da Elisabetta Caporale impegnata in zona mista per le interviste post gara agli atleti.

Italia Europei Nuoto Otopeni vasca corta – Risultati Completi ed Elenco Atleti Iscritti

europei-nuoto-otopeni-dove-guardare-gare-televisione

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights