matteo-rivolta-ritiro-nuoto

Matteo Rivolta saluta il nuoto competitivo, “Non potevo più dedicarmi”

Nell’annuncio del ritiro, Teo fa un augurio ai giovani, “Siate modelli di riferimento autentici, diffidate da chi si incorona da sé, gli uomini veri brillano di umiltà”

Matteo Rivolta ha deciso di appendere occhialini, cuffietta e costume al chiodo e salutare le competizioni di nuoto dopo oltre vent’anni trascorsi tra le corsie in gara.

La decisione del ritiro è sempre dolorosa per un atleta ed è stato così anche per il 32enne milanese, che ha deciso di ritirarsi nel corso di una stagione sfortunata, come molte lo sono state nei suoi ultimi anni di carriera.

Matteo Rivolta si ritira dopo essere stato un atleta della nazionale italiana fino allo scorso dicembre, con la sua partecipazione agli Europei di Nuoto di vasca corta di Otopeni.

Purtroppo l’esperienza in Romania rappresenta oggi l’apice della sua sventura in gara degli ultimi anni, con la caduta di un blocco di partenza sul braccio in fase di riscaldamento che gli provocò un serio e grave infortunio.

matteo-rivolta-ritiro-nuoto-delfino

Mai domo, sempre pronto a combattere e con la voglia di non arrendersi mai, Matteo Rivolta decise di scendere ugualmente in vasca per disputare le batterie di qualifica della staffetta 4×50 misti, contribuendo alla qualificazione della stessa nella finale che poi avrebbe vinto.

Tre titoli mondiali in vasca corta, due volte campione europeo, quella magica staffetta misti agli Europei di Roma, dove fece scatenare il pubblico con quella volata che spaccò la finale consegnando da subito l’oro al quartetto Azzurro.

matteo-rivolta-ritiro-europei-nuoto-roma

Con la 4×100 misti è stato campione europeo anche agli Europei di Debrecen nel 2012, dove vinse anche un bronzo nei 100 farfalla, il preludio alla sua partecipazione alle Olimpiadi di Londra 2012.

Due mondiali in vasca corta indimenticabili, quello di Abu Dhabi 2021, dove vinse i 100 farfalla e la 4×100 misti, oltre al bronzo nella 4×50 misti e nei 50 farfalla migliorando il Record Italiano che tutt’ora detiene anche nei 100 farfalla e quello di Melbourne 2022, dove vinse l’oro nella 4×50 misti e il bronzo nella 4×100 misti.

In totale vanta 15 medaglie internazionali vinte tra vasca lunga e vasca corta a Mondiali ed Europei, oltre a cinque medaglie vinte ai Giochi del Mediterraneo.

matteo-rivolta-ritiro-nuoto-europei-roma

La piscina sarà ancora nel suo cammino, almeno per quest’anno, in cui sarà uno dei volti del Day Of Champions, gli swim camp di nuoto organizzati da Nuotopiù di Giovanni Franceschi con il D.T. Massimo Melani.

Tre tappe in programma, due a settembre, una dal 29 marzo al 1° aprile andata già Sold Out, in cui i giovanissimi atleti potranno beneficiare dei suoi consigli.

Matteo Rivolta saluta il nuoto competitivo, “Non potevo più dedicarmi”

Matteo Rivolta si è ritirato lontano dalle luci della ribalta, ma uno come lui avrebbe meritato un saluto plateale, in occasione di un evento di nuoto importante.

È stato un atleta sempre umile, sempre disponibile, sempre pronto a misurarsi con se stesso e reinventarsi (è diventato campione italiano anche dei 200 farfalla).

matteo-rivolta-nuoto
Questo il saluto di Matteo Rivolta, pubblicato sui suoi canali social:

L’altra sera guardandomi allo specchio, col cuore in mano, ho deciso di concludere questo viaggio. Perché? Perché mi stavo facendo del male.

È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato. Ho sempre creduto che un Atleta sia tale quando può dedicare Anima e Corpo e Mente al Massimo obiettivo possibile.

Non poterlo più fare liberamente mi logora più di quanto lo faccia scrivere l’epilogo di questo viaggio. Da diverso tempo ho accolto e nutrito la curiosità di scoprire chi volessi essere “da grande”.

Ho continuato, ho voluto dare ascolto al cuore che non accettava l’idea di rinunciare a certi sogni… e non l’accetta tuttora. Da allora però il mio corpo è gradualmente imploso. Le sventure che ho vissuto quest’ultimo anno non sono mera fatalità, ma sintomi di un disagio interno.

Mi guardo indietro e vedo un ragazzo esigente, critico, da sempre il più grande avversario di sé stesso, ma col sorriso di chi sogna ad occhi aperti. Per questo ho mancato molte occasioni e ne ho colte altre. Ho imparato a soffrire, a gioire, a conoscere la sconfitta e vivere la vittoria.

Ho conosciuto persone che mi hanno cambiato la vita, che hanno creduto in me più di quanto abbia fatto io stesso. Ho imparato ad amare.

Ho appreso molto dai più grandi e ancor di più dai giovani… a voi auguro di essere dei modelli di riferimento autentici, diffidate da chi si incorona da sé, gli uomini veri brillano di umiltà.

Grazie a mamma e papà, alla mia famiglia tutta, agli amici di una vita, a chi mi ha amato, ai compagni, agli allenatori, ai medici e terapisti, ai dirigenti, a chiunque mi abbia accompagnato in questo viaggio. Grazie a voi tutti per avermi aiutato a diventare l’uomo che orgogliosamente sono oggi.

Dream Big

Buon cammino Matteo, hai il carattere per ottenere le più grandi soddisfazioni dalla vita!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights