Vernole ufficializza la lista degli atleti per i Mondiali IPC Swimming!

Saranno dieci gli alfieri Azzurri che a Glasgow getteranno le basi per le Paralimpiadi di Rio 2016.

È arrivata stamattina l’ufficializzazione delle convocazioni Azzurre del CT Riccardo Vernole per i Campionati Mondiali di Nuoto IPC che si terranno a Glasgow dal 13 al 19 luglio 2015 che vede dieci nomi che rappresenteranno l’Italia nell’importante appuntamento che getterà le basi per le Paralimpiadi di Rio 2016.

Federico MorlacchiGià scontati i nomi di Federico Morlacchi che disputerà i 100 farfalla, 200 misti, 400 stile libero, 100 rana e 100 stile libero ed Arjola Trimi che si giocherà i 150 misti, 50 stile libero, 50 dorso, 50 rana e 200 stile libero oltre a guidare la mistaffetta 4×50 stile libero. Entrambi avevano già centrato i criteri base di convocazione avendo conquistato il titolo di campioni ai Campionati Europei di Eindhoven ed avevano confermato di essere pronti ai Mondiali con i record pesantissimi stabiliti un mese fa al Meeting Internazionale di Berlino. A loro si sarebbe dovuta aggiungere anche Cecilia Camellini che però ha rinunciato per sua scelta alla competizione in Scozia.

A questi si sono aggiunti cinque atleti che sono riusciti a realizzare una prestazione particolarmente rilevante tra le manifestazioni che rientravano tra quelle riconosciute dalla IPC Swimming nel periodo che andava dal 1° dicembre 2014 al 19 aprile 2015, in particolare al Meeting Internazionale di Berlino e quello di Glasgow, piazzandosi tra le prime quattro posizioni della ranking mondiale secondo gli MQS per i Mondiali o che siano stati valutati come utili alla nazionale dal CT in seguito ad una “prestazione di altissimo livello” fatta entro il 20 aprile 2015.

Giulia GhirettiQuesti atleti sono Francesco Bocciardo di classe S6 che disputerà i 400 stile libero nei quali detiene il miglior crono mondiale, i 100 dorso nei quali è 7° al mondo e 100 stile libero nei quali è attualmente 10° al mondo ma a soli tre secondi dal podio, Vincenzo Boni di classe S3 che si giocherà il suo primo Mondiale nei 50 dorso nei quali è attualmente 2° al mondo, nei 200 stile libero nei quali è piazzato al 4° posto, nei 50 stile libero dove risulta 5° al mondo e sarà parte della mistaffetta 4×50 stile libero che punta al podio, Giulia Ghiretti di classe S5 che disputerà i 100 rana nei quali occupa la seconda posizione della ranking mondiale, i 50 dorso ed i 50 farfalla nei quali è attualmente all’8° posto al mondo, Emanuela Romano di classe S6 che concorrerà nei 100 stile libero nei quali occupa la 4^ posizione della ranking mondiale ma può giocarsi il podio, i 50 stile libero nei quali ha il 5° crono mondiale ma è in condizioni di giocarsi il podio, nei 100 dorso nei quali ha l’8° crono mondiale e i 100 rana oltre alla mistaffetta 4×50 stile libero ed infine Alessia Berra di classe S13 che disputerà i 100 farfalla nei quali è 4^ al mondo, i 200 misti, i 400 stile libero nei quali è 8^ e nei 50 stile libero nei quali figura all’11° posto al mondo ma può tranquillamente arrivare al podio che dista attualmente meno di un secondo.

Il CT Vernole si sarebbe potuto fermare qui con gli atleti ma seguendo quelli che erano i criteri stabiliti a novembre, ha voluto convocare altri tre atleti, considerando anche l’assenza della Camellini, chiamando Martina Rabbolini di classe S11 che si giocherà i 100 dorso nei quali attualmente detiene il 3° crono mondiale, i 100 rana e 400 stile libero, Andrea Massussi di classe SB4 che disputerà i 50 dorso nei quali è 6° al mondo ma non lontano dal podio e i 100 rana dove detiene l’8° crono mondiale ed infine Valerio Taras di classe S7 che sarà impiegato principalmente nella mistaffetta 4×50 stile libero ma si giocherà anche i 50 stile libero, 50 farfalla e 200 misti.

Arjola Trimi«Che i posti fossero dieci, era assodato, anche se sicuramente avrei avuto piacere di poterne convocare molti di più, ma devo dire che mai come quest’anno, scegliere gli atleti nazionali non è stata cosa semplice, a prescindere dai criteri di convocazione che erano stati stabiliti chiaramente a novembre 2014  – ha dichiarato il CT Riccardo Vernole – Nel Nuoto Paralimpico non bisogna dimenticare che ogni classe di disabilità sportiva ha una realtà totalmente differente dalle altre e io mi devo basare anche su questo per poter fare delle vatuazioni. Guardando la ranking mondiale, ci sono classi più omogenee ed altre dove il divario dei tempi dei primi dieci è più ampio.»

Tra quelli che restano a casa segnaliamo in particolar modo Francesca Secci, Arianna Talamona, Federica Buniolo, Efrem Morelli e Simone Ciulli che hanno realizzato prestazioni importanti in questa stagione che però non rispondevano pienamente ai criteri di convocazione, preceduti in questo dagli altri atleti scelti per la spedizione scozzese. Da questi, come dagli altri atleti di interesse nazionale, si spera di ricevere importanti risposte cronometriche guardando le Paralimpiadi di Rio 2016 per le quali, escluse le slot conquistate eventualmente ai Mondiali di Glasgow in seguito a medaglie d’oro o argento facendo tutti gli scongiuri, ci sarà possibilità di guadagnarne delle altre nel periodo che va dal 15 ottobre 2015 fino al 31 gennaio 2016, secondo quelli che sono gli MQS prestabiliti dalla IPC Swimming. Il 15 febbraio saranno poi ufficializzate sempre dalla IPC Swimming le slot conquistate per ogni nazione e quindi i posti utili da poter sfruttare per le convocazioni.

Clicca qui per la lettera di convocazione ufficiale FINP

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine