«Riccione resta la meta ideale, ma se cambieremo, i Campionati Italiani Master 2017 saranno adeguati all’impianto che li ospiterà!»

Lo afferma un raggiante e soddisfatto Roberto Migliori che analizza quanto emerso dai Campionati Italiani Master 2016.

A valle dei risultati emersi, sia dalla vasca che dagli spogliatoi, si può tranquillamente dire che Riccione 2016 è stato un Campionato Italiano di Nuoto Master più che positivo, ma era facile prevederlo considerando la location romagnola e le potenzialità dello Stadio del Nuoto sempre ben gestito dalla Polisportiva Comunale.
Raggiante è soddisfatto Roberto Migliori, Coordinatore della Commissione Tecnica della Federazione Italiana Nuoto, che sulla sede che ospiterà i prossimi Campionati Italiani, riprendendo quanto già affermato dal Responsabile Master FIN  Augusta Sardellitto clicca qui per leggere l’intervistaspecifica che se eventualmente la location non dovesse essere più Riccione, il programma dei Campionati Italiani verrà adeguato alle potenzialità e spazi che potrà offrire la nuova sede.

«Per i Campionati Italiani Master 2016 eravamo partiti con l’obiettivo di fare qualche piccola variazione rispetto alle precedenti edizioni, nonché offrire qualche novità per tenere sempre molto sveglio e attivo il movimento master. Quello che abbiamo fatto è stato semplicemente allungare di un giorno il programma gare per cercare di renderlo più snello, in quanto nonostante gli Europei Master disputati un mese fa a Londra, prevedevamo numeri simili a quelli della scorsa edizione e così è stato: oltre 3500 iscritti e più di mille staffette rispecchiano in pieno l’andamento della scorsa edizione.»

È stato a nostro avviso un Campionato molto gradevole, in quanto l’impegno delle gare era appunto limitato ed ha consentito agli atleti che sono stati a Riccione di poter fare anche altro, ritrovandosi insieme dopo una stagione intera per divertirsi anche fuori dalla vasca.
«Il programma gare stilato come quello di questa edizione, ha consentito di avere orari più vivibili, sia per noi organizzatori che per gli atleti. Qualcuno addirittura è venuto ad esprimermi la soddisfazione per questo aspetto, perché così studiati, i campionati gli avevano consentito di andare anche al mare! Per noi questa è una cosa positiva.»

roberto-migliori-claudio-tomasi-augusta-sardellitto-campionati-italiani-master-riccione-2016Le variazioni del programma gara hanno dunque funzionato?
«Il fatto che abbiamo pensato di inserire le staffette nel fine settimana e soprattutto nella domenica, a chiusura Campionati, mi pare abbia dato un esito positivo. L’idea in partenza era quello di dare visibilità alla festa Master del sabato sera che per noi era molto importante, ma che stava calando di interesse in quanto veniva fatta di fretta, al termine dei Campionati, sotto al sole e quando la maggior parte degli atleti erano andati già a casa. L’averla ripristinata nello stile di qualche anno fa è stato un inizio e vedere oltre 300 atleti parteciparvi, per noi è stata una nota positiva.»

Sappiamo già se ci saranno ulteriori novità sui Campionati Italiani Master 2017?
«Innanzitutto faremo un’analisi di quelli che sono stati questi Campionati Italiani che personalmente ritengo essere stati positivi. Per quanto riguarda il prossimo anno, c’è da tener conto anche dell’aspetto politico per quanto riguarda l’organizzazione e cioè quello che la Federnuoto deve darci autorizzazione a scegliere una sede piuttosto che un’altra per ospitare l’evento. Nel caso in cui si dovesse ripetere Riccione, penso che apportando piccole modifiche, potremmo riproporre un Campionato simile a quello di questa’anno. Se invece dovessimo andare altrove come location, vedremo di adattare i Campionati alle potenzialità e disponibilità di spazi che l’impianto potrà offrire.»

Un’ultima battuta sul Circuito Supermaster FIN che da due stagioni è stato limitato ad un certo numero di meeting. Resterà stabile con i numeri visti quest’anno o verrà eliminato qualche meeting?
campionati-italiani-master-2016«Già dalla scorsa stagione abbiamo imposto dei limiti, visto che ci eravamo resi conto che eravamo arrivati ad un numero di manifestazioni esagerato e ingestibile dal punto di vista delle sovrapposizioni e delle ripetitività dei medesimi programma gare nelle stesse Regioni a distanza di poche settimane. Abbiamo ritenuto opportuno regolamentare il Circuito e questa limitazione è stata fatta affinchè alcune manifestazioni giovani potessero crescere dal punto di vista qualitativo e che altre potessero consolidarsi. Non abbiamo creato però un blocco totale, ma abbiamo soltanto dato un tetto massimo di manifestazioni per Regione che non può variare. Valuteremo poi di stagione in stagione come intervenire rispetto a quanto emergerà dai numeri e dai fatti.»

Nella sezione Master – Nuoto in vasca, troverete i Report dettagliati redatti per tutte le sessioni gara dei Campionati.

Clicca qui per i Risultati Completi

Clicca qui per le foto delle premiazioni

Clicca qui per le foto dei 200 stile libero uomini

Clicca qui per le foto dei 50 farfalla uomini

Clicca qui per le foto dei 200 dorso donne – 400 sl donne

Clicca qui per le foto dei 400 sl uomini – 200 farfalla donne

Clicca qui per le foto dei 400 misti uomini – 100 farfalla uomini e donne

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4life – All rights reserved

Lorenzo Giovannini

Lorenzo Giovannini
Dipendente di un’azienda farmaceutica di Prato. Ha un passato da agonista e dal 2010 partecipa al Settore Master. Reporter sul piano vasca.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*