Luca Dotto sfreccia in semifinale dei 100 stile, Alessia Polieri agguanta quella dei 200 farfalla e Luca Pizzini i 200 rana!

Purtroppo fuori la 4×200 stile maschile per soli 4 centesimi e Stefania Pirozzi dai 200 farfalla per soli 21 centesimi in una serata quasi perfetta per l’Italia. Finisce l’Olimpiade per Filippo Magnini, fuori dai 100 stile.

Quarta giornata di gare, virata di metà Olimpiadi a Rio dove si inizia con le eliminatorie, velocissime, dei 100 stile libero in cui Luca Dotto parte tra i favoriti assoluti avendo nuotato il terzo miglior crono mondiale dell’anno, occupando la corsia 5 dell’ultima serie sfidando apertamente l’australiano Cameron Mcevoy, miglior crono mondiale stagionale che al termine della gara chiuderà quarto assoluto con 48”12. Partenza lenta di Dotto che si contiene nei primi 50 metri in cui marca 23”39, ma il ritorno sembra essere convincente visto che il primatista italiano chiude con un buon 48”47 che lo porta a qualificarsi per le semifinali con il decimo tempo utile.

«Stamattina ho visto tutti quanti andare molto forte e ho pensato che nonostante avessi visto già dei 48 bassi e 47, potessi passare più tranquillo ai 50 metri per poi chiudere più forte – ha dichiarato Luca Dotto a caldo – Ho fatto una buona gara e sicuramente stasera darò il 100% nelle semifinali. Inutile nascondersi, bisogna dare tutto e andare sul blocco di partenza convinti.»

filippo-magnini-olimpiadi-rio-2016Fuori invece l’altro Azzurro Filippo Magnini che nuota la quinta batteria in corsia 7 esprimendosi evidentemente non brillantemente in un 49”40 dopo un passaggio molto lento in 23”83 che lo vede 37esimo.

«Il passaggio era buono perché non ho faticato tanto a nuotarlo – ha dichiarato Filippo Magnini a fine gara – Pensavo di tornare meglio e invece ho fatto fatica. Certamente ho dato tutto, ma non fare la staffetta due giorni fa ha cambiato le mie prospettive olimpiche. Abbiamo visto che al mattino di Rio si tira già fortissimo, cosa che aggiunge difficoltà per questi 100 stile in cui volevo riuscire a nuotare sotto i 49 secondi. Ci tenevo a fare questa gara alle Olimpiadi che mi sono meritato avendo nuotato il secondo miglior crono stagionale italiano.»

Il miglior crono delle eliminatorie lo registra l’australiano Kyle Chalmers con un sontuoso 47”90 davanti allo statunitense Caeleb Dressel con 47”91, gli unici sotto i 48 secondi, ma la gara dei califfi della velocità vede in grosse difficoltà due dei più attesi, il cinese Ning Zetao, in semifinale ma solo con il 14esimo crono segnato con 48”57 e addirittura il campione olimpico in carica Nathan Adrian che disputa la penultima serie chiudendo con 48”58, a due centesimi dal baratro dell’eliminazione centrando solo il 16esimo posto. Vittime illustri in questa gara, fuori il francese Jeremy Stravius, quinto crono mondiale dell’anno, 18esimo con 48”62 ed il nipponico Nakamura Katsumi, sesto crono mondiale dell’anno, 17esimo con 48”61.

mireia-belmonte-olimpiadi-rio-2016Seguono le batterie dei 200 farfalla femminili dominate dalla iberica Mireia Belmonte Garcia, argento a Londra 2012 in questa specialità, che nuota il miglior crono di accesso alle semifinali con un 2’06”64 registrato in scioltezza davanti alle statunitensi Natalie Adams con 2’06”67 e Hali Flickinger con 2’06”67, mentre a sorpresa non si presenta la magiara Katinka Hosszu che evidentemente sceglie di risparmiarsi per la finale dei 200 misti di stasera.

Bella gara di Alessia Polieri che chiude 15esima agguantando le semifinali nuotando in 2’08”95 dopo una prima parte di gara quasi in sordina, con un passaggio al parziale di metà gara di 1’02”56 ed un ritorno ritmato che le consente di chiudere con il suo quinto miglior crono di sempre.

«La gara è andata bene, mi aspettavo che la gara fosse veloce e nonostante la mattina faccio sempre fatica ad ingranare, sono stata costante nei passaggi – ha dichiarato Alessia Polieri a fine gara – Ho visto che la Hosszu non ci sarà e questa è una buona notizia. A Londra mi sono guadagnata questa partecipazione quindi essere qui in questo palcoscenico olimpico è già motivo di orgoglio. Passare il turno è una cosa fantastica.»

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

alessia-polieri-olimpiadi-rio-2016Molto sfortunata invece l’altra Azzurra Stefania Pirozzi che al termine di una gara senza infamia e senza lode, pecca sbagliando l’arrivo a causa del quale perde sicuramente qualche centesimo importante visto che la beneventina si piazza 17esima con 2’09”40 (1’02”67 ai 100 metri), a 21 centesimi dalle semifinali.

«Sono partita convinta, ci avevo creduto e volevo coronare quest’anno facendo una gara discreta – ha dichiarato una provata Stefania Pirozzi in lacrime – Il mio sogno era arrivare in semifinale e invece ho mancato l’obiettivo per un arrivo sbagliato.»

Nelle eliminatorie dei 200 rana maschili è il russo Anton Chupkov a mettere le mani davanti a tutti segnando 2’07”93 con il quale migliora il 2’08”53 segnato in questa stagione, seguito dal nipponico Koseki Yasuhiro, anche lui migliorato seppur di poco con 2’08”61. Grande sorpresa per il britannico Andrew Willis che nuota un importante crono di 2’08”92 che conferma quanto gli inglesi stiano diventando una buona fucina di ranisti lavorando sempre più nel modo giusto.

Ottimo risultato anche per Luca Pizzini che inizia velocissimo passando i 50 metri in 29”52 che però forse paga subito visto che il passaggio dei 100 metri è molto alto con 1’03”48, ma la seconda parte è buona e gli consente di chiudere in 2’11”23 eguagliando il crono fatto alle Universiadi di Gwangju 2015 che rappresenta il suo sesto crono all time, arrivando così in semifinale con l’ultimo crono utile.

luca-pizzini-olimpiadi-rio-2016«È molto emozionante essere qui, è un privilegio. Questa è davvero una bella vasca, un bell’ambiente e un bel contesto – ha dichiarato Luca Pizzini a fine gara – Speriamo di far meglio in semifinale dato che posso migliorare, in relazione anche al mio stato di forma. Stanotte darò il massimo.»

Fuori a sorpresa un irriconoscibile Daniel Gyurta, il campione olimpico in carica che chiude 17esimo con 2’11”28, mentre chiude decimo lo statunitense Josh Prenot, miglior crono mondiale stagionale, con  2’09”91 e quinto il tedesco Marco Koch, campione del mondo in carica, con 2’08”98.

Chiude il programma delle eliminatorie la staffetta 4×200 stile libero interpretata molto bene dagli Azzurri scesi in vasca con Andrea Mitchel D’Arrigo che in prima frazione ha nuotato in 1’47”65, quarto crono dell’anno per lui, dando il cambio ad Alex Di Giorgio che fa il suo compito nel migliore dei modi segnando 1’47”74 lanciando un ripreso Marco Belotti che segna una frazione da 1’47”01 (51”61 ai 100 metri, il passaggio più veloce degli Azzurri), seguito infine da Gabriele Detti che firma l’ultima frazione lanciata in 1’46”80 per un crono finale di 7’09”20 che però purtroppo vede l’Italia fuori avendo segnato il nono tempo, a solo 4 centesimi dalla finale. Amaro destino che come a Londra 2012, vede l’Italia fatta fuori dall’Olanda.

gran-bretagna-4x200-stile-olimpiadi-rio-2016Il miglior crono lo segna la Gran Bretagna con 7’06”31 messo a segno da Stephen Milne (1’46”70), Robbie Renwick (1’48”17), Dan Wallace (1’46”39) e Duncan Scott (1’45”05) davanti a Stati Uniti con 7’06”74, Russia con 7’06”81 e Germania con 7’07”66.

Il programma di stanotte in diretta su RAI 2 dalle 3.00 ora italiana, prevede le attesissime finali dei 200 stile libero di Federica Pellegrini, dei 200 farfalla maschili con Michael Phelps contro Le Clos e Cseh, dei 200 misti femminili in cui vedremo Katinka Hosszu e Siobhan-Marie O’Connor che hanno fatto fuoco e fiamme nelle semifinali di ieri notte e della 4×200 stile libero maschile, oltre alle semifinali dei 100 stile libero maschile, 200 farfalla femminili e 200 rana maschili.

Clicca qui per i Risultati Gare in tempo reale del Nuoto dei Giochi Olimpici di Rio 2016

Clicca qui per il Calendario Gare del Nuoto e gli orari della diretta televisiva

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine