dal-lago-di-garda-alla-laguna-di-dakhla-in-marocco-marco-fratini

Dal Lago di Garda alla Laguna di Dakhla in Marocco, Marco Fratini tenterà l’impresa della Swim Trek

Gara a tappe e itinerante in mezzo al Deserto del Sahara, una sfida nella sfida per il medico umbro

Dal Lago di Garda alla Laguna di Dakhla in Marocco, Marco Fratini tenterà l’impresa della Swim Trek, singolare gara a tappe e itinerante in mezzo al Deserto del Sahara.

Una sfida nella sfida, che il medico umbro ha deciso di aggiungere al proprio programma competitivo che sta portando avanti nel suo impegno in Acque Libere.

Marco Fratini, medico Gastroenterologo, Internista e Medico di medicina generale, è reduce dalla recente tappa dell’Alpen Adria Swim Cup, Coppa di Nuoto in Acque Libere, disputata nel Lago di Klagenfurt.

La traversata di 17,5 km è stata portata a termine dall’umbro, unico italiano ad aver partecipato all’evento in Austria, con il prestigioso risultato di terzo classificato.

L’acqua del lago è ben diversa rispetto a quella della piscina ed è quindi molto più pesante nuotarci – ha affermato Fratini a Swim4Life Magazine – Per me è stato un test importante perché ho gareggiato per circa 4 ore e mezzo senza fermarmi mai, uno step molto lungo a cui non ero più abituato. Di solito spezzo sempre l’impegno sportivo in più momenti. Quando ho fatto la 100 km in piscina ad esempio, facevo step da circa 5 km per curare anche la parte alimentare, il riposo e l’idratazione. È stato importante anche confrontarmi con altri atleti, che ha aggiunto adrenalina all’impegno sportivo ed esperienza per i prossimi impegni che mi sono prefissato”

Sabato 17 settembre, Marco Fratini sarà infatti impegnato nella 3 km del Lago di Garda per la Swim the Castle e poi si “tufferà” nel deserto del Sahara!

Il mio obiettivo è immagazzinare km nelle braccia e verificare di volta in volta come reagisco con impegni sempre più importanti – spiega il medico umbro – Prossimamente sarò impegnato anche in Marocco per la Swim Trek in programma dal 29 novembre al 4 dicembre. È una competizione fatta di quattro tappe durante le quali si dorme nel deserto in tenda, quindi diciamo che oltre la gara c’è anche l’aspetto ludico culturale e avventuriero”

dal-lago-di-garda-alla-laguna-di-dakhla-in-marocco-marco-fratini-nuoto
Dal Lago di Garda alla Laguna di Dakhla in Marocco, Marco Fratini tenterà l’impresa della Swim Trek

La Morocco Swim Trek “Sahara”, giunta alla settima edizione, si svolgerà dal 29 novembre al 4 dicembre nella Laguna di Dakhla per un totale di 30 km attraverso una gara itinerante.

Oltre l’impegno in acqua, gli atleti dovranno affrontare anche il freddo e le irritazioni dovute alla salsedine, le intemperie e dovranno confrontarsi con una o più forze naturali come il vento, le correnti o le maree.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

In questa competizione, il successo non consiste solo nel vincere contro un altro concorrente, ma nel completare un percorso e nel superarsi. 

Il solo completare il circuito di quattro tappe itineranti lungo il deserto del Sahara, vale infatti una vittoria, al di là dell’essere arrivati prima o dopo un altro avversario.

La prima tappa, la Dragon Island, prevede un percorso da 6,5 km, seguita poi dalla seconda tappa, La Duna Bianca, da 8,5 km.

La distanza si incrementa ancora con la Tappa Maratona da 10 km, che si sviluppa interamente lungo la costa e contro corrente con vista sulle dune di sabbia del deserto.

La tappa conclusiva, Il Vagabond, sarà da 5 km, con partenza e arrivo presso il Dakhla Club.

Quando ho preparato il programma competitivo che avrei seguito, ho cercato qualcosa di particolare, che andasse oltre l’aspetto competitivo e ho trovato la Swim Trek, che è sicuramente molto di più che una gara – conclude Fratini – Sarà un impegno che per me rappresenterà soprattutto un’occasione per allenare la testa all’imprevedibile”

Ricordiamo che la preparazione di Marco Fratini è sempre finalizzata allo scopo di preparare un’impresa titanica, come la 100 km in piscina fatta nel 2020 – clicca qui per saperne di più – con l’obiettivo di raccogliere fondi da donare in beneficenza.

Nell’occasione della 100 km ad esempio, Marco Fratini supportò la AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, per sostenere la ricerca per la cura della malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine