antonio-fantin-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Mondiali Nuoto Paralimpico, a Manchester Azzurri a tutto gas!

Antonio Fantin Record del Mondo 100 stile, Emmanuele Marigliano doppio bronzo commovente dedicato al papà scomparso, nove ori, due argenti e quattro bronzi nelle prime due giornate

I Mondiali Nuoto Paralimpico iniziati ieri a Manchester hanno subito visto un’Italia d’arrembaggio, pronta a sferrare l’attacco in ogni gara, con l’unico obiettivo di confermarsi super potenza a livello mondiale.

Nella giornata di apertura disputa il 31 luglio nella piscina olimpionica del Manchester Aquatics Centre, che ospiterà l’evento fino al 6 agosto, sono arrivate le prime otto medaglie, sei d’oro, un argento e un bronzo che hanno spinto da subito l’Italia in testa al medagliere davanti a Gran Bretagna e Canada.

Il risultato più eclatante delle prime due giornate è arrivato da Antonio Fantin, Fiamme Oro e Lazio Nuoto, oro e Record del Mondo nei 100 stile libero maschili S6 con il crono di 1’02”98 che migliora il suo stesso precedente di 1’03”65 fatto lo scorso anno a Funchal, seguito sul podio dal duo brasiliano Talisson Glock con 1’04”73 e Daniel Xavier Mendes con 1’05”14.

I miei risultati non sono soltanto merito mio, quindi ringrazio tutti coloro che quest’anno mi hanno letteralmente salvato la vita quando ho dovuto affrontare un delicatissimo intervento chirurgico che ha messo a rischio il mio percorso sportivo – ha dichiarato Fantin – Questo oro è un traguardo straordinario, impreziosito dal Record del Mondo sotto l’1”03”. Vorrei ricordare la mia grande amica Alessia della Lazio Nuoto (Alessia Corrente, 16enne scomparsa martedì 25 luglio a causa di una malattia, ndr) che oggi mi ha incitato da lassù” 

antonio-fantin-mondiali-nuoto-paralimpico-manchester - Copia
foto: Augusto Bizzi / FINP

C’è commozione nel doppio bronzo del partenopeo Emmanuele Marigliano, Centro Sportivo Portici, il primo vinto nei 50 rana SB2 con 1’07”06 alle spalle del duo messicano formato da Arnulfo Castorena che ha vinto in 57”76 e da Christopher Tronco Sanchez, argento in 1’04”93.

L’altro arriva nella seconda giornata nella finale dei 150 misti SM3 in 3’29”03 alle spalle del messicano Marcos Rafael Zarate Rodriguez con 3’19”25 e dell’australiano Ahmed Kelly con 2’58”59 con il quale migliora il Record Oceania.

Un risultato incredibile se penso agli ultimi sei mesi, che per tanti motivi sono stati un inferno – ha dichiarato Marigliano – Sei mesi fa ho perso mio padre, lui oggi non era con me fisicamente ma l’ho sentito vicino dal primo all’ultimo metro. Questa vittoria è per lui e naturalmente per tutti quelli che mi hanno accompagnato in questo percorso a partire dalla famiglia. Quando mi sono reso conto di avere vinto la medaglia non ho capito più niente”

emmanuele-marigliano-mondiali-nuoto-paralimpico-manchester - Copia
foto: Augusto Bizzi / FINP

Non basta una prestazione straordinaria invece all’altra partenopea del Centro Sportivo Portici e Fiamme Oro Angela Procida, che da classe SB1 chiude quarta nella finale dei 50 rana accorpata alle SB2 con il tempo di 1’37”74, che le vale il Record Italiano con il quale migliora il suo 1’39”30 fatto lo scorso luglio gli Assoluti di Brescia e il Record dei Campionati che va a demolire il suo stesso precedente di 1’42”47 di Funchal della scorsa stagione.

L’oro va alla britannica Ellie Challis con 1’05”72, seguita dall’argento della tedesca Tanja Scholz con 1’07”44 e dal bronzo dell’israeliana Veronika Guirenko in 1’21”31.

Nel corso della prima serata di gare arriva anche l’esordio iridato per Manuel Bortuzzo, Fiamme Oro, che chiude quinto nella finale dei 100 rana SB4 con il crono di 1’47”63.

manuel-bortuzzo-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Oro al greco Antonios Tsapatakis con 1’39”53, seguito dall’ucraino Andrii Drapkin con 1’40”83 e dall’argentino Nicolas Rivero con 1’46”08.

Nella stessa specialità al femminile, arriva invece l’oro di Giulia Ghiretti, Ego Nuoto e Fiamme Oro, in 1’50”64, a solo 28 centesimi dal suo Record Italiano fatto ai Giochi di Tokyo, davanti alle cinesi Cheng Jiao con 1’52”18 e Yao Cuan con 1’56”80.

A rompere il ghiaccio per gli Azzurri nella prima giornata era stato Alberto Amodeo, Polha Varese allenato da Max Tosin, che nella gara di apertura del programma della prima giornata vince l’oro dei 400 stile libero nuotando in 4’25”63 migliorando di 30 centesimi il Record Italiano della classe S8 da lui stesso detenuto dai Giochi di Tokyo, precedendo sul podio il cinese Xu Haijiao con 4’32”11 e lo statunitense Noah Jaffe con 4’35”04.

L’obiettivo stagionale era confermarmi campione del mondo – ha dichiarato Alberto Amodeo – Sono molto contento anche del Record Italiano, limato di poco, ma comunque meglio del tempo di Tokyo che lo scorso anno non ero mai riuscito ad avvicinare. Aprire una manifestazione con una vittoria per l’Italia è sempre una grande soddisfazione ed emozione. Rivedendo la gara penso che avrei potuto fare qualcosa meglio, ci penseremo in futuro”

alberto-amodeo-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Nella stessa gara al femminile, vittoria anche di Xenia Francesca Palazzo, Fiamme Azzurre/Verona Swimming Team, in 5’01”46 davanti alla spagnola Nahia Zudaire Borrezo con 5’05”91 e alla brasiliana Cecilia Jeronimo De Araujo con 5’08”94.

Volevo tantissimo questa vittoria, è la mia gara, vincerla a un Mondiale per me è il massimo – ha dichiarato emozionata Xenia Francesca Palazzo – Emozioni fortissime, il nuoto sembra uno sport individuale, ma dietro questa medaglia c’è il lavoro di un grande team. Spero che questi successi ispirino tanti bambini e ragazzi ad avvicinarsi allo sport paralimpico”

Ai Mondiali Nuoto Paralimpico l’Italia avanza come un carro armato e si prende anche l’oro della finale successiva, i 100 rana maschile classe SB9.

Il titolo iridato è conquistato da Stefano Raimondi, Fiamme Oro, in 1’06”36, un secondo e un centesimo sopra al su Record Italiano, seguito sul podio dal britannico Maurice Wetekam con 1’08”89 e dal francese Hector Denayer con 1’09”00, con l’Italia che sfiora addirittura la doppietta visto che Riccardo Menciotti, Circolo Canottieri Aniene, si ferma ai piedi del podio in 1’09”95.

Sono molto contento di questa vittoria, sono reduce da un anno difficile dal punto di vista fisico e questa medaglia mi appaga molto – ha dichiarato Stefano Raimondi – Alle vittorie non ci si abitua mai, quest’anno poi che sono portabandiera, l’oro non doveva mancare”

Un buon risultato in quella che non è la mia gara preferita – ha dichiarato Menciotti – Lo considero un buon viatico per il resto della manifestazione”

stefano-raimondi-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Tre ori nelle prime tre gare dei Mondiali Nuoto Paralimpico è stato un inizio di fuoco degli Azzurri, che hanno incrementato il bottino poco più tardi, con la finale dei 100 farfalla S13 andata a Carlotta Gilli in 1’02”61, nuovo Record dei Campionati con il quale l’atleta delle Fiamme Oro e Rari Nantes Torino migliora il precedente da lei stessa detenuto con 1’02”64 siglato ai Mondiali Nuoto Paralimpico di Città del Messico 2017.

Alle spalle della piemontese si piazzano l’irlandese Roisin Ni Riain con 1’06”00 e la statunitense Olivia Chambers con 1’06”18.

carlotta-gilli-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

La fame di vittoria non passa mai – ha dichiarato Carlotta Gilli – Questa è la mia gara del cuore, ci tenevo a farla bene, ci ho messo tutta me stessa e sono molto soddisfatta anche del tempo. Arrivare qui e raccogliere i frutti di tanto lavoro è straordinario, la medaglia non può che essere dedicata al mio team”

Non arrivano medaglie nei 50 stile libero S5 maschile e femminile, che hanno visto gli Azzurri in finale con Francesco Bocciardo, Fiamme Oro/Nuotatori Genovesi, settimo in 33”58, e Monica Boggioni, Fiamme Oro/ AICS Pavia Nuoto, ai piedi del podio in 39”57.

Il podio maschile è stato formato dai cinesi Guo Jincheng con il Record del Mondo in 29”78 con il quale migliora il suo stesso 30”09 fatto in batteria cancellando il 30”16 di Antonio Fantin del 2019, e Yuan Weiyi con 31”57 e dal brasiliano Samuel Da Silva De Oliveira con 31”58.

Sono partito con troppa foga e non sono riuscito a mantenere il ritmo sino a fine gara – ha dichiarato Bocciardo – Adesso ho molto su cui riflettere”

Il podio femminile ha visto trionfare la britannica Suzanna Hext con 36”71, seguita dall’ucraina Iryna Poida con 36”73 e dalla cinese Lu Dong con 37”36.

Peccato avere peggiorato il tempo di stamattina, che non sarebbe comunque stato sufficiente per la medaglia in quanto è stata una gara molto veloce – ha dichiarato Boggioni – Ora mi concentro sulle prossime gare”

La 24enne pavese, 25 anni il prossimo 5 agosto, si rifarà poco più tardi nella finale dei 50 rana SB3 vincendo l’oro in 55”55 davanti alla sudafricana Kat Swanepoel con il Record Africano di 57”19 che migliora il suo stesso precedente di 58”61 fatto lo scorso maggio e alla spagnola Marta Fernandez Infante con 58”83.

monica-boggioni-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Sono contenta per questa medaglia e per i risultati della squadra – ha dichiarato Boggioni – Questo oro è il frutto del lavoro di tante persone, a cominciare dalla mia famiglia. Io sono qui per rappresentarli”

Quinto nei 50 stile libero S10 Stefano Raimondi, bronzo iridato in carica, che chiude in 24”15 nella finale vinta dall’australiano Crothers Rowan in 23”42, seguito sul podio dal connazionale Thomas Gallagher in 23”70 e dal brasiliano Phelipe Melo Rodrigues in 23”72.

Argento invece nei 50 stile S10 donne per l’Azzurra Alessia Scortechini, Circolo Canottieri Aniene, con 28”06, con il quale migliora di 20 centesimi il Record Italiano fatto alle Paralimpiadi di Tokyo 2021, nuotato tra la canadese Aurelie Rivard che trionfa in 27”64 e la francese Emeline Pierre in 28”39.

Quest’anno ho svolto un lavoro molto duro, sono molto soddisfatta – ha dichiarato Scortechini – Gara molto tirata, come al solito ho sbagliato l’arrivo. Un’abitudine che cercheremo di correggere”

alessia-scortechini-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP
Mondiali Nuoto Paralimpico, Italia a raffica anche nella seconda giornata

Gli Azzurri si sono fatti rispettare anche nella seconda giornata dei Mondiali Nuoto Paralimpico disputata ieri, vincendo 3 ori, 1 argento e 3 bronzi confermandosi al primo posto del medagliere.

A parte l’oro con Record del Mondo di Fantin già raccontato in apertura, la prima medaglia Azzurra della giornata è arrivata però sotto le bracciate di Federico Bicelli, Fiamme Azzurre/Bresciana no frontiere, che ha vinto i 400 stile libero maschili S7 con 4’40”55, a 38 centesimi dal suo Record Italiano, precedendo sul podio l’argentino Inaki Basiloff con 4’40”96 e l’ucraino Andrii Trusov con 4’41”57.

La giornata di ieri è stata emozionante e mi ha dato carica ed energia per oggi – ha dichiarato Bicelli – Avevo studiato bene la tattica di gara, un passaggio prudente per dare tutto nei secondi 200 metri e ha funzionato”

federico-bicelli-mondiali-nuoto-paralimpico
foto: Augusto Bizzi / FINP

Oro anche per Stefano Raimondi nei 200 misti maschili SM10, vinto in 2’10”41 davanti agli australiani Col Pearse in 2’13”68 e Alex Saffy con 2’16”07.

Spero di continuare così – ha dichiarato Raimondi – È stata una gara difficile dopo la delusione dei 50, speravo in un tempo migliore ma va bene così”

Nella stessa finale chiude di nuovo quarto Riccardo Menciotti che segna 2’16”27, a soli 20 centesimi dal bronzo.

Argento, invece, per Xenia Francesca Palazzo nei 100 dorso S8 in 1’19”40 che migliora il Record Italiano da lei stessa detenuto con 1’19”40 delle scorse World Series di Lignano.

Oro alla britannica Alice Tai in 1’12”11 e bronzo alla neozelandese Tupou Neiufi in 1’10”35.

Bronzo per Alessia Berra nei 100 farfalla S12 con 1’06”98, a soli 11 centesimi dall’argento della spagnola Maria Delgado Nadal in 1’06”87, con l’oro vinto dalla brasiliana Maria Carolina Gomes Santiago in 1’05”68.

Bronzo anche per l’eterno Federico Morlacchi, Fiamme Azzurre/Polha Varese, nei 200 misti SM9 con 2’21”26 alle spalle dell’australiano Timothy Hodge con il Record dei Campionati di 2’12”74 che migliora il suo stesso precedente di 2’13”43 degli scorsi mondiali e del francese Ugo Didier con 2’17”15.

Ho fatto i calcoli prima della finale, il più vecchio a parte me, ha otto primavere in meno – ha dichiarato il 29enne – È stato bellissimo, avevo timore dello spagnolo in corsia 8, ma poi mi sono detto testa bassa e dritti verso l’obiettivo”

Quinto posto nei 100 stile S4 per Luigi Beggiato, Fiamme Gialle/Circolo Sportivo Guardia di Finanza, con 1’28”59 nella finale vinta dall’israeliano Ami Omer Dadaon con il Record Mondiale di 1’18”94 che migliora il suo stesso precedente di 1’19”26 fatto lo scorso maggio, seguito sul podio dal neozelandese Cameron Leslie con 1’22”56 e dal nipponico Takayuki Suzuki con 1’22”91.

Quinta anche la 4×50 stile libero mista 20 punti, formata da Luigi Beggiato, S4 con 46”27, Monica Boggioni, S5 con 34”27, Arianna Talamona, S6 con 38”04, e Francesco Bocciardo, S5 con 32”98, che chiudono in 2’31”56 nella finale vinta dalla Cina con il Record dei Campionati di 2’18”58 che migliora il 2’18”86 da loro stessi detenuto dai Mondiali di Città del Messico 2017, seguita da Brasile in 2’23”65 e Ucraina con 2’25”93.

Ottava Monica Boggioni nei 50 dorso S5 con il crono di 47”49 nella finale vinta dalla cinese Lu Dong in 38”21, Record dei Campionati che migliora il 38”68 dell’ucraina Natalia Ziani del 2010, seguita sul podio dalla connazionale He Shenggao con 41”44 e dalla turca Sumeyye Boyaci con 43″32.

Mondiali Nuoto Paralimpico, come seguire le gare

Le finali verranno trasmesse in diretta su Raisport al canale 58 a partire dalle 18:35 ora italiana con cronaca di Enrico Cattaneo, Stefano De Agostini e Roberto Soi, mentre le batterie di qualifica del mattino, dalle 10:05 ora italiana, verranno trasmesse in diretta streaming sulle pagine Facebook Paralympics e World Para Swimming e in differita su Raisport dalle 14:00 ora italiana.

Mondiali Nuoto Paralimpico Manchester 2023 – Clicca qui per i Risultati completi

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights