nuoto_e_cioccolato_fondente_Swim4life_00

Cioccolato fondente, la migliore carica di energia per una gara!

Basta un piccolo pezzo per ottenere benefici.

I risultati di uno studio condotto dai ricercatori della Wayne State University di Detroit, dicono che mangiare cioccolata fondente prima di fare sport aiuta a rafforzare le cellule muscolari, soprattutto quelle scheletriche e cardiache!
Come già trattato nel nostro articolo relativo agli allenamenti mattutini (clicca qui per leggerlo), prima di fare attività sportiva e soprattutto prima di fare una gara, è necessario evitare di assumere alimenti ad elevato indice glicemico, in quanto se questo diventa elevato, l’organismo produce insulina che ha proprio il compito di abbassare l’indice glicemico. Purtroppo queste normalissime funzioni vanno in contrapposizione con lo sforzo fisico, durante il quale l’organismo inibisce la produzione di insulina, proprio per evitare un inopportuno calo glicemico! Se però si assumono alimenti che contengono un elevato indice glicemico, può capitare che il tasso di questa diventi così alto tanto da innescare ugualmente la produzione di insulina anche durante l’attività fisica, causando un invitabile calo energetico!

nuoto_e_cioccolato_fondente_wayne-state-university_Swim4life_02Il cioccolato fondente ha un alto valore calorico e fornisce zuccheri semplici. Per questo motivo può essere utilizzato come un vero e proprio “innesto immediato di energia”!
Tale scoperta, resa nota sulla rivista “Journal of Physiology”, è stata dimostrata somministrando 1 milligrammo di epicatechina, sostanza capace di dare un particolare gusto amaro alla cioccolata fondente, ai topi da laboratorio. Dopo 15 giorni, gli scienziati hanno misurato le loro prestazioni atletiche, rilevando un cospicuo incremento nella produzione di mitocondri, il centro energetico della cellula. Inoltre è venuto fuori dai test che la resistenza dei loro muscoli alla fatica è aumentata del 30% – 50%!
Perché il cioccolato fondente sarebbe così ideale per affrontare uno sforzo fisico sportivo?
Oltre al fatto di fornire un alto valore calorico e zuccheri semplici, contiene teobromina e caffeina, due sostane eccitanti. In particolar modo la teobromina ha grosse proprietà di aumentare la concentrazione e la prontezza di riflessi.
Mangiare circa 25-30 grammi di cioccolato fondente 30-45 minuti prima dell’allenamento, permetterà al metabolismo di assimilare gli zuccheri necessari allo sforzo che ci serviranno come combustibile iniziale per avviare i nostri motori e quindi iniziare l’allenamento. Nel condurre l’esercizio fisico dato dall’allenamento, intanto che gli zuccheri arrivino ad essere consumati, il corpo sarà già bello che in movimento e faremo meno fatica a portare a termine il lavoro previsto.
nuoto_e_cioccolato_fondente_ricercatore_Swim4life_03Allo stesso modo, mangiare circa 5 grammi di cioccolato fondente 20-30 minuti prima di una gara, permetterà al metabolismo di assimilare gli zuccheri necessari che ci serviranno come combustibile per supportare più facilmente lo sforzo fisico massimo per la competizione!
Il cioccolato fondente migliore per il fine energetico, è quello puro, ovvero contenete un’altissima percentuale di cacao. Il cioccolato fondente al 99% è quindi il migliore per supportare lo sforzo fisico ed assunto nelle giuste quantità, può aiutare l’organismo a dare il massimo al momento della richiesta energetica.
Il cioccolato fondente è un alimento molto importante anche per quanto riguarda la salute in quanto dà un prezioso carico di antiossidanti, in particolare i flavonoidi, rinomati antiossidanti presenti negli alimenti di origine o derivazione vegetale che limitano gli effetti negativi associati ad elevati livelli plasmatici di colesterolo. Inoltre, i flavonoidi proteggono anche le arterie dai danni dell’aterosclerosi e prevengono malattie cardiovascolari come l’infarto e l’ictus. In media, 100 grammi di fondente ne contengono 50-60 mg, mentre in un’analoga quantità di cioccolato al latte ne ritroviamo soltanto una decina di mg. Addirittura nulla è invece la percentuale di flavonoidi nel cioccolato bianco.

Cioccolati che invece contengono anche olio vegetale, soprattutto se di palma o di cocco, sono assolutamente da evitare, perché hanno un’alta concentrazione di grassi e sono ricchi di colesterolo che non ha certo benefici, nè per la salute, né per affrontare uno sforzo fisico 

Ancora, il cioccolato contiene buone dosi di potassio che aiuta a riequilibrare la pressione, previene i dolori muscolari e come risaputo tra i nuotatori, i crampi! È facile da digerire e buono da gustare.
Infine, assunto a piccole dosi, può aiutare chi soffre di malattie del fegato, così come documenta uno studio spagnolo presentato al Congresso della Società Europea per lo studio del fegato che dimostra che il cioccolato fondente ridurrebbe i danni ai vasi sanguigni dei pazienti con cirrosi, abbassando la pressione interna all’organo.
Ricordate che l’organismo può beneficiare degli effetti positivi del cioccolato fondente solo se assunto nelle dosi consigliate. Come tutti gli alimenti, assunto in quantità eccessive e con un’alta frequenza, diventa dannoso.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine