Federico Morlacchi e Cecilia Camellini guidano le finali degli Azzurri di stasera!

La seconda giornata di Paralimpiadi si apre bene con le due punte Azzurre che vanno avanti insieme ad una staffetta da grandi speranze attesi da Bettella e Boccanera che disputeranno due finali dirette

Dopo un bom dia, così come si dice in Brasile, della prima giornata contraddistinta da cinque Record Italiani, gli Azzurri hanno archiviato la prima parte della seconda giornata di Paralimpiadi di Rio prenotando tre finali oltre a quelle dirette di “Ciccio” Bettella e Gloria Boccanera che garantiscono una serata ricca di contenuti ed emozioni per i tifosi Azzurri.

riccardo-menciotti-paralimpiadi-rio-2016Il primo a scendere in vasca è stato Riccardo Menciotti nei 50 stile libero S10, esordiente ad una Paralimpiade e neo esordiente in Azzurro dopo i recenti Europei di Funchal, nonché neo atleta paralimpico, mondo in cui si è tuffato da soli otto mesi dopo l’incidente avuto sul luogo di lavoro che gli ha causato l’amputazione della mano destra, che ha offerto un’ottima prova migliorando il suo personale assoluto di otto decimi. L’atleta allenato da Marco Cicconi – clicca qui per leggere l’intervista all’allenatore – chiude in 25”77, a 59 centesimi dal Record Italiano detenuto da Simone Ciulli, che vale il 12esimo crono che lo vede fuori dalla finale per 73 centesimi, conquistata con il miglior crono dall’ucraino Maksym Krypak in 23”45.

«Sono abbastanza sorpreso del tempo nuotato in una gara in cui non punto principalmente – ha dichiarato Menciotti a fine gara – In camera di chiamata ho sentito moltissimo l’emozione, sia perché questa è la prima Paralimpiade, sia perché oggi gareggiavo con i padroni di casa.»

cecilia-camellini-paralimpiadi-rio-2016A prenotare la prima finale per stasera è Cecilia Camellini nei 100 dorso S11, medaglia di bronzo in questa specialità ai Giochi di Londra 2012, segnando un buon 1’22”01 che vale il quinto crono di qualifica.

«Per essere la prima gara in questa Paralimpiade, ho rotto il ghiaccio ed anche se era un po’ duro, spero si sia rotto bene – ha dichiarato la Camellini a fine gara – Spero che l’attenzione verso di me da parte dei tifosi italiani, mi porti tanta energie nelle braccia per vivere grandi emozioni anche qui a Rio.»

Nella stessa specialità di gara era impegnata anche Martina Rabbolini che ha nuotato in 1’30”28 che vale però il 12esimo crono che non le permette di arrivare in finale.

martina-rabbolini-paralimpiadi-rio-2016«Sinceramente volevo dare il massimo e ci ho provato, ma purtroppo è uscito un crono che non mi soddisfa – ha dichiarato la Rabbolini – Ho tante gare da fare qui a Rio, quindi avrò modo di rifarmi.»

Il miglior crono lo ha segnato la neozelandese Mary Fisher con 1’18”68 che vale il nuovo Record Paralimpico.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Arriva il momento dell’esordio in questa Paralimpiade anche per Federico Morlacchi, una delle punte della nazionale Azzurra che ai Giochi di Londra 2012 vinse la medaglia di bronzo nei 400 stile libero S9 in cui nelle batterie di qualifica disputate oggi, ha chiuso con l’ottimo riscontro cronometrico di 4’22”20 che vale il secondo miglior crono di accesso alla finale di stasera nella quale si prospetta un bellissimo testa a testa con l’australiano favorito Brenden Hall che ha chiuso davanti a lui in 4’20”46. Non solo Hall però per Morlacchi nella finale di questa sera in cui troverà a distanza ravvicinata un po’ a sorpresa anche il britannico Lewis White che ha chiuso alle spalle di Morlacchi in 4’22”63, il portoghese David Grachat con 4’22”86 e lo spagnolo Jose Antonio Mari Alcaraz con 4’22”89 che garantiscono uno spettacolo interessante.

«L’obiettivo era stare nella corsia al fianco di Hall ed essendoci riuscito è andata abbastanza bene – ha dichiarato Morlacchi a caldo – Confido di far bene stasera, anche se devo dire che non mi aspettavo la grande rivalità anche da parte degli altri atleti in gara, cosa che mi fa anche piacere così la finale è ancora più bella. Vediamo se migliorano stasera e vediamo se miglioro io. Sinceramente ho un po’ di timore per la finale di stasera – conclude Morlacchi – Sono però sicuro delle mie potenzialità e comunque vada, a prescindere dal risultato finale, questo è sport.»

francesca-secci-paralimpiadi-rio-2016Nella stessa specialità di gara è scesa in vasca anche la sarda Francesca Secci che nuota in 5’11”18 che purtroppo non le concede di disputare la finale, essendosi classificata con questo crono al 12esimo posto. A conquistare la corsia più veloce è stata l’australiana Ellie Cole con 4’50”19.

La mattinata brasiliana di qualifiche si conclude con la Mi-Staffetta 4×50 stile libero punti 20 (dato dalla somma dei punti di disabilità dei singoli atleti in formazione) che vede ai blocchi di partenza il quartetto Azzurro allestito con Vincenzo Boni, Arjola Trimi, Valerio Taras ed Emanuela Romano che ai recenti Europei di Funchal vinsero una medaglia d’argento, chiudere con il crono di 2’38”01, a 6 centesimi dal Record Italiano segnato proprio a Funchal.

Apre Boni con il parziale di 47”88 che vede l’Italia in ultima posizione, ma con il cambio dato alla Trimi che chiude con il parziale di 41”48, inizia la rimonta Azzurra che prosegue con Taras che nuota un parziale di 31”01 e la Romano che chiude con 37”64. Suspense thriller data dal ritardo dello schermo luminoso nel dare i risultati, ma l’Italia c’è e con il terzo posto di accesso alla finale.

arjola-trimi-emanuela-romano-staffetta-paralimpiadi-rio-2016«Direi che questa prima gara per me è andata  bene – ha dichiarato la Trimi – Ottime sensazioni, proveremo a dare di più in finale – prosegue la Romano – Forte sensazione, soprattutto nel vedere lo stadio impazzito per il Brasile – conclude Boni –  Sapendo che avevamo la finale in tasca, ci siamo conservati per la finale di stasera nella quale speriamo di confermare almeno il terzo posto registrato stamattina.»

Nel corso delle qualifiche sono arrivati inoltre un Record del Mondo messo a segno dalla cinese Liu Benying nei 100 dorso S2 con 1’50”67, con il quale ha cancellato il precedente detenuto dal russo Dmitrii Kokarev con 2’23”75 e due Record Paralimpici siglati dalla statunitense Coan McKenzie nei 50 stile libero S7 segnando 32”57 e dalla canadese Aurelie Rivard nei 50 stile libero S10 con 27”83.

Appuntamento a stasera per le finali a partire dalle 22.30 ora italiana in diretta su Rai Sport, che vedranno in vasca gli Azzurri Francesco Bettella nella finale diretta dei 100 dorso S1 in onda alle 22.30 ora italiana, Gloria Boccanera nella finale diretta dei 100 dorso S2 alle 22.49 ora italiana, Cecilia Camellini nei 100 dorso S11 alle 00.24 ora italiana, Federico Morlacchi nei 400 stie libero S9 alle 00.41 ora italiana e la Mi-Staffetta 4×50 stile libero che chiuderà la serata alle 1.43 ora italiana.

La Pagina Facebook ed il sito web ufficiale della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico diretti dal Responsabile Ufficio Stampa Giada Lorusso in sito a Rio, pubblicheranno tra l’altro, anche in tempo reale, informazioni, notizie e i dietro le quinte dei Giochi ai quali prenderanno parte 21 atleti.

Clicca qui per i risultati completi

Clicca qui per approfondire sull’argomento Classi di Disabilità Atleti

Clicca qui per l’Elenco Convocati della squadra Azzurra

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine