Nuoto, Azzurri davanti a tutti al parziale degli Europei di Glasgow

Italia prima nella classifica per nazioni e terza nel medagliere dopo tre giornate e mezzo di gare

Quattordici primati infranti, di cui due Record Mondiali, un Record Europeo, otto Record dei Campionati, due Record Mondiali Junior e uno Europeo Junior, due Azzurri tra le prime dieci migliori prestazioni di questi Campionati, che sono Simona Quadarella con i suoi 800 stile libero e Gregorio Paltrinieri con i suoi 1500 stile libero e l’Italia al primo posto nella classifica per nazioni e al terzo in quella del medaglie con due ori, due argenti e tre bronzi alle spalle di Russia e Gran Bretagna che di ori ne hanno vinto tre. Questo il parziale a metà dei Campionati Europei di Nuoto in corso di svolgimento nel Tollcross di Glasgow che fino a ora ha regalato tanto spettacolo e non pochi colpi di scena, la maggior parte dei quali sono arrivati proprio nella giornata di ieri che è stata la migliore per gli atleti Azzurri che hanno portato a casa un oro nei 100 stile libero con Alessandro Miressi clicca qui per saperne di piùun bronzo con Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile clicca qui per saperne di piùun bronzo con Arianna Castiglioni nei 100 rana clicca qui per saperne di più – un bronzo a sorpresa nei 200 farfalla di Federico Burdissoclicca qui per saperne di piùe ancora quello vinto nel finale con la 4×200 stile maschile clicca qui per saperne di più.

La quarta giornata di gare si apre con le qualifiche dei 200 stile libero maschili che vedono quattro Azzurri ai blocchi di partenza per due posti disponibili nelle semifinali: i primi a misurarsi sono Stefano Di Cola e Mattia Zuin, con il primo che guida tre quarti della quarta serie passando a 52”34 ai 100 metri, per poi crollare però nell’ultima vasca che lo vede chiudere purtroppo ultimo in 1’51”06 che rappresenta il 46esimo crono.

“Dopo le staffette ho accusato un po’ di stanchezza e non è andata bene – ha dichiarato Di Cola – non è una scusa e infatti stavo bene fino a ieri”

Buona gara in progressione invece per Zuin che chiude in 1’49”72 che però non lo vede andare oltre il 29esimo crono, mentre nellaserie successiva che vede il netto dominio del britaanico James Guy con 1’47”67 che sarà il terzo crono di qualifica, emerge un ottimo Filippo Megli che riesce a stargli al passo chiudendo in 1’48”15 che vale il quinto tempo di accesso alle semifinali.

“Puntavo a stare vicino a Guy – ha dichiarato Megli – Non ho guardato molto gli altri e sono andato un po’ sotto ritmo facendo un po’ di fatica in più rispetto a quella che mi aspettavo ma è dovuto sicuramente alle emozioni della staffetta che ieri ci ha visto sul terzo gradino del podio”

Peccato che la prestazione di Matteo Ciampi che nuota in 1’49”47, 77 centesimi più lento del suo migliore fatto in questa stagione ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona, non sia sufficiente per il passaggio del turno, valendo il 22esimo tempo.

Si prosegue con i 200 rana femminili in cui la matricola Anna Pirovano nuota in 2’29”46, mentre Francesca Fangio chiude la pratica in 2’27”77, risultati che vedono entrambe le Azzurre passare in semifinale, rispettivamente con il 17esimo (dentro per lo scarto della terza danese classificata nelle prime 16, ndr) e 11esimo crono, in cui troveranno come riferimento principale le due danesi Rikke Moeller Pedersen e Thea Blomsterberg, rispettivamente con 2’25”73 e 2’25”98.

“Sono stanchissima – ha dichiarato Anna Pirovano – Ci ho provato e così doveva essere. È tutto nuovo, emozionante e ingigantito, ma alla fine sono contenta del tempo fatto”

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Fanno il proprio esordio in questi Campionati Matteo Rivolta, Piero Codia e Andrea Vergani che nelle eliminatorie dei 50 farfalla chiudono rispettivamente 39esimo, 14esimo e 12esimo. Gara poco lucida per Rivolta che pecca in una partenza poco decisa e un arrivo sporco che lo vedono segnare 24”34 che non basta per passare il turno.

“Faccio fatica a capire come sia andata la gara – ha dichiarato Matteo Rivolta – Il tempo è abbastanza eloquente e dice tutto, peccato perché mi sento bene ma evidentemente non sono tarato per questa distanza e la mia gara vera è tra due giorni, io sono pronto”

Gara in progressione per Codia che chiude con un sufficiente crono di 23”71, a cinque decimi dal suo Record Italiano, preceduto da Vergani che invece nuota un ottimo 23”61 migliorando di quattro centesimi il personale segnato quest’anno agli Assoluti di Riccione, con entrambi che approdano nelle semifinali di oggi pomeriggio.

“Per essere una gara al mattino è uno dei miei miglior tempi – ha dichiarato Andrea Vergani – Vediamo di migliorare qualcosa oggi per entrare in finale”

“Non sono soddisfatto di questa gara – ha dichiarato Piero Codia – Devo ammettere che i 50 quest’anno li ho allenati poco e ammetto che non mi vengono facili come in altri anni. oggi ce la metterò tutta e vediamo come andrà perché ci tengo, questa è la mia gara che mi ha portato per la prima volta a palcoscenici internazionali”

Tre Azzurri in gara anche nei 100 dorso femminili, in cui dopo il Record Italiano siglato nei 50 dorso, Carlotta Zofkova nuota un ottimo 1’00”07 migliorando di 20 centesimi il personale nuotato quest’anno al Sette Colli, fermandosi a 27 centesimi dal Record Italiano qualificandosi per le semifinali con il quinto tempo.

Il miglior crono è quello di Margherita Panziera che in scioltezza segna 59”86, a solo sei centesimi dal suo Record Italiano, mentre resta fuori Silvia Scalia al termine di una prova non male in cui segna 1’00”92, a 38 centesimi dal personale, restando però fuori dalle qualifiche nonostante il 16esimo posto per i migliori due tempi delle compagne che l’hanno preceduta.

“Penso che tutte e tre abbiamo dato il massimo – ha dichiarato Margherita Panziera – Sono contenta del tempo fatto, molto vicino al mio migliore e vedremo oggi cosa riusciremo a fare per migliorare ancora”

La mista 4×100 misti vede l’Italia piazzarsi quinta con Matteo Restivo, Arianna Castiglioni, Elena Di Liddo e Luca Dotto che chiudono in 3’47”73 che garantisce l’accesso alla finale.

I parziali vedono Restivo aprire in 55”14, seguito al cambio dalla Castiglioni che nuota un’ottima frazione a rana in 1’06”32.
Dopo metà gara gli Azzurri inseguono le prime posizioni della batteria, quando al cambio Elena Di Liddo chiude 57”76 avvicinando la formazione alle prime tre che nuotano davanti. Il sorpasso non si concretizza con l’ultima frazione nuotata da Dotto in 48”51 ma vede comunque l’Italia avanti e con la possibilità di giocarsi un podio nella finale di stasera, in cui sarà l’Olanda a partire con i favori del pronostico dato dal miglior crono di qualifica in 3’45”34.

La mattinata si conclude con i 1500 stile libero femminili che offrono ancora una bella prestazione di Simona Quadarella che agevolmente nuota il miglior crono segnando 16’05″33 annunciando una gara spettacolare nella serata di domani.

Appuntamento a stasera per finali e semifinali a partire dalle 18.00 ora italiana per le batterie eliminatorie della quinta giornata, sempre da noi attentamente raccontate e sempre in Diretta RAI Sport con il commento di Luca Sacchi e Tommaso Mecarozzi, coadiuvati in area mista da Elisabetta Caporale.

Clicca qui per i risultati completi

Clicca qui per il Programma Gare completo

Clicca qui per l’Elenco Iscritti

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifestyle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine