Tre Record Italiani firmano la quinta giornata di qualifiche delle Paralimpiadi degli Azzurri!

Stasera sette italiani in finale e diverse speranze di vincere una medaglia, Boni ruggisce su possibili errori di classificazione di disabilità dopo il Record del Mondo del cinese Wenpan Huang in finale con lui nei 50 stile libero S3

Serata senza medaglie quella di ieri alle Paralimpiadi di Rio, ma ricca di suspense con le gare degli Azzurri che hanno comunque regalato due Record Italiani che insieme al 4° posto di Federico Morlacchi nei combattutissimi 100 stile libero, a soli 8 centesimi dal podio, hanno mantenuto le premesse di spettacolo che avevamo garantito – clicca qui per la notizia dettagliata.

Ad aprire la quinta giornata, i 400 stile libero maschili S6 che vedono in vasca due Azzurri, Marco Dolfin e Francesco Bocciardo ed è proprio il campione del mondo ed europeo in carica della specialità a dominare la sua batteria di qualifica e nonostante una nuotata molto sciolta e molto votata al risparmio energetico, chiude con il secondo crono assoluto di accesso alla finale fermando il crono a 5’18”61 alle spalle dell’olandese Thijs Van Hofweegen con 5’11”79, candidandosi tra i principali favoriti per il podio.

francesco-bocciardo-paralimpiadi-rio-2016«Ho voluto in un certo senso calibrare e mantenere un po’ di forze per la finale di stasera e in ogni caso le sensazioni sono state molto buone – ha dichiarato Francesco Bocciardo a fine gara – La competizione di stasera sarà sicuramente molto combattuta, ma è la mia gara e voglio assolutamente vincerla. Prima di essere disabili, noi siamo atleti che ci alleniamo ore e ore tutti i giorni e siamo venuti qui a dimostrarlo.»

Non è riuscito ad arrivare in finale invece Marco Dolfin che ha portato a termine la sua ultima gara in queste Paralimpiadi chiudendo con il nono tempo in 6’00”87.

«Dopo la mezza figuraccia di ieri, ci tenevo almeno oggi a chiudere in maniera un po’ più degna, anche perché negli ultimi giorni non stavo benissimo – ha dichiarato Dolfin a fine gara – Purtroppo la mia vita è caratterizzata da momenti di gioia a momenti di dolore e delusioni, ma se devo fare un bilancio di questa Paralimpiade, è stata comunque una bellissima esperienza che mi porterò dietro a vita. Adesso mi godo le ultime gare da tifoso e poi non vedo l’ora di tornare a fare il papà.»

Entra in finale il rotto della cuffia dei 400 stile libero femminili S6 Emanuela Romano che ferma il crono a 5’58”53, ben lontana dal suo Record Italiano che risale però ai Giochi di Londra 2012, ma riesce a centrare l’ottava corsia per questa sera. Il podio sembra utopia, con la britannica Eleanor Simmonds che ha nuotato il terzo miglior crono in 5’37”75 alle spalle dalla cinese Song Lingling con 5’35”43 e dell’ucraina Yelyzaveta Mereshko con 5’25”27, ma alle Paralimpiadi nulla è da escludere.

valerio-taras-paralimpiadi-rio-2016È la volta di Valerio Taras nelle batterie di qualifiche dei 200 misti SM7 nuotati con un’ottima prestazione in 2’48”98 migliorando il Record Italiano che deteneva con 2’49″78 dal 2015, trovando l’accesso alla finale con il sesto tempo.

«Sono felice di aver fatto il Record Italiano che volevo tanto e per il quale ho lavorato tanto – ha dichiarato Taras a fine gara – Sono affaticato ma vediamo oggi pomeriggio cosa riusciamo a fare.»

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Il miglior crono lo ha segnato il colombiano Carlos Serrano Zarate con 2’40”58 seguito dallo statunitense Rudy Garcia-Tolson con 2’43”23 e dall’ucraino Ievgenii Bogodaiko con 2’44”89.

Nella stessa gara al femminile si tuffa anche Ariana Talamona, alla sua prima Paralimpiade, riuscendo anche lei ad ottenere una corsia per la finale di stasera a ritmo di Record Italiano fermando il crono a 3’18”06 con il quale migliora il 3’19″76 da lei registrato agli Europei di Funchal 2016 che vale il sesto tempo assoluto delle qualifiche.

arianna-talamona-paralimpiadi-rio-2016«Sono molto contenta di questa prestazione perché la mattina è sempre più difficile per me – ha dichiarato la Talamona a fine gara – Voglio comunque fare meglio nella finale di questa sera e portare onore al titolo europeo conquistato a Funchal.»

Il miglior crono lo ha segnato la neozelandese Nikita Howarth con 2’58”82, seguita dalla canadese Tess Routliffe con 3’04”87 e dalla statunitense Cortney Jordan con 3’08”84.

Gara ardua quella dei 100 stile libero S10 che vede l’Azzurro Riccardo Menciotti combattere per tentare l’impresa della qualifica, spingendo sull’acceleratore e chiudendo con l’ottimo riscontro personale di 56”77 facendo tremare il Record Italiano detenuto da Simone Ciulli con 42 centesimi in meno, chiudendo però 14esimo e quindi fuori dalla finale che vede favorito su tutti l’ucraino Maksym Krypak che ha nuotato il miglior crono in 51”52.

fabrizio-sottile-paralimpiadi-rio-2016Gara sopra le righe di Fabrizio Sottile nei 100 rana SB12 condotti con grande energia e potenza nonostante il mese di stop attraversato dai primi di luglio ai primi di agosto, convinto che la sua stagione fosse finita con la mancata convocazione per Rio. E invece poi come raccontato nell’intervista realizzata all’atleta della PolHa Varese – clicca qui per leggerla – è arrivata la convocazione in seguito all’esclusione della Russia a causa del Doping di Stato emerso dal Rapporto McLaren che Sottile ha sfruttato nel miglior modo possibile fino ad ora nuotando in 1’13”60 riuscendo a migliorare il Record Italiano di un solo centesimo rispetto a quello registrato lo scorso giugno al Meeting di Berlino regalandosi la finale con l’ultimo crono utile.

«Non mi aspettavo questo crono e sono felicissimo di essere riuscito a farlo preparando questa gara in solo tre settimane – ha dichiarato Sottile – Mi sono divertito, ho lavorato il giusto ed è andata bene. Sto cercando di riscattare le Paralimpiadi di Londra 2012 prendendo questa con più serenità e consapevole dei mezzi che ho. Cerco di nuotare al meglio che posso e di ottenere il meglio che posso.»

La mattinata di Rio prosegue per gli Azzurri in gara con i 50 stile libero S9 femminili nei quali la sarda Francesca Secci fa registrare un’ottima prova chiudendo in 31”94, tempo che non nuotava da due anni, chiudendo al 18esimo posto non trovando dunque l’accesso alla finale.

Chiudono il programma che interessa agli Azzurri i 50 stile libero S3 nei quali era impegnato Vincenzo Boni che nuota un bel ritmo toccando la piastra cronometrica a 47”03 che vale il quarto tempo di accesso alla finale di stasera che vede lanciatissimo il cinese Wenpan Huang con il Record del Mondo realizzato in 40”51.

«Il cinese che ha nuotato il Record del Mondo stamattina in batteria si è trattenuto, perché è andato molto più forte in staffetta, il che è innaturale per un atleta di classe S3 – ha dichiarato Boni a fine gara – Non voglio fare polemica però, siamo tutti S3 e stasera ci confronteremo in una finale sicuramente combattuta.»

Nel corso della mattinata brasiliana sono stati realizzati anche altri quattro Record Paralimpici, della canadese Aurelie Rivard nei 100 stile libero S10 con 59”89 nei 100 stile libero S10, dello statunitense Robert Griswold con 1’05”33 e dalla britannica Stephanie Millward nei 100 dorso S8 e della statunitense Michelle Konkoly con 28”36 nei 50 stile libero S9.

L’appuntamento per le finali di stasera è fissato come sempre a partire dalle 22.30 ora italiana in diretta su Rai Sport, con sette Azzurri in gara, Francesco Bocciardo ed Emanuela Romano nei 400 stile libero S6 (dalle 22.30 ora italiana), Valerio Taras  ed Ariana Talamona nei 200 misti SM7 (dalle 22.52 ora italiana), Fabrizio Sottile nei 100 rana SB12 (00.00 ora italiana), Vincenzo Boni nei 50 stile libero S3 (01.22 ora italiana), oltre alla finale diretta dei 100 rana SB11 di Martina Rabbolini (23.52 ora italiana).

La Pagina Facebook ed il sito web ufficiale della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico diretti dal Responsabile Ufficio Stampa Giada Lorusso in sito a Rio, pubblicheranno tra l’altro, anche in tempo reale, informazioni, notizie e i dietro le quinte dei Giochi ai quali prenderanno parte 21 atleti.

Clicca qui per i risultati completi

Clicca qui per approfondire sull’argomento Classi di Disabilità Atleti

Clicca qui per l’Elenco Convocati della squadra Azzurra

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine